dal 6 settembre al 19 ottobre 2013

Helga Ava Colden (1929-2009)
Helga Colden è nata a Füssen nell’Allgäu (D). La madre Alice Richter nata Brunetti era originaria di Locarno, mentre il padre era di Würzburg. Alla nascita di Helga assistette anche la nonna materna Virginia Brunetti-Riva, levatrice attiva a Locarno e Muralto.
Poiché la madre a quel tempo non padroneggiava ancora il tedesco, Helga e il fratello minore crebbero inizialmente esprimendosi in italiano. La sorella minore abita ormai da 45 anni in Ticino. La famiglia Richter-Brunetti trascorreva di anno in anno le vacanze in Ticino e a Caroman nei pressi di Venezia, luogo prediletto di Helga, e ciò fino allo scoppio della seconda guerra mondiale del 1939.
Da allora Helga si è sempre sentita a casa sia in Ticino sia in Italia.
Helga AVA Colden è morta nel suo ottantesimo anno il 13 marzo 2009, dopo lunga malattia.

Anna Blume (1912-2001)
Anna Blume, nata e cresciuta a Zurigo, dopo un apprendistato di scultrice, frequenta (1935-36) l’Accademia della Grande Chaumière a Parigi.
Sposa il pittore lucernese August Frey e dopo un soggiorno a Parigi e alcune lunghe permanenze in Spagna e in Italia, la coppia si stabilisce a Zurigo.
Nel 1965 si trasferiscono a Böschenrot nel Comune di Meierskappel (LU).
L’anno seguente il Kunstmuseum di Lucerna allestisce una mostra di entrambi. Sotto il nome di Annie Frey l’artista dipinge paesaggi, nature morte e figure.
A partire dal 1975 riprende a firmare con il nome da ragazza: Anna Blume. Abbandonata la pittura figurativa sviluppa un nuovo linguaggio tra geometrie intuitive e scrittura poetica. In mostra ci sono pure alcune opere dell’ultimo ciclo dove Anna Blume lascia le forme e con pochi segni, linee e cerchi e brevi citazioni interpreta celebri testi poetici e ballate.